Nell’ opera di Mario ,nella sua possenza e bellezza formale che attinge alla classicità ,pregnante di una forza fisica radicata alla terra,simbolo di una tormentata armonia che si trasforma, eloquenza di un corpo che attraverso tutto l’organismo ( ossa ,muscoli, nervi..) esprime una passione intensa ( come dice Rodin ,il corpo è un calco su […]

Leggi il resto

Il monumento equestre di Mario Pavesi per l’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia metafora dell’evoluzione dell’uomo La testa e il collo di un cavallo impennati verso l’alto si librano nell’aria, emergendo dalla imponente struttura architettonica del corpo ben radicata al suolo ,linee e volumi si intersecano perfettamente attraverso un rigoroso linguaggio plastico,dando vita ad […]

Leggi il resto

Sul dizionario etimologico leggo che “ANELARE” significa aspirare a qualcosa, significa desiderio ardente che puo’ rendere affannoso il respiro. Dunque una scultura,un cavallo,che porta il nome Anelito non puo’ essere realizzato se non da chi ha avuto al centro della propria vita artistica e di relazione grandi tensioni,quell’aspirazione alla pienezza,a un senso profondo della vita […]

Leggi il resto

Per Mario Pavesi plasmare una figura, qualsiasi essa sia, equivale a intrecciare un dialogo con se stesso, perché ogni sua opera nasce da un’emozione provata davanti alla realtà, oppure da un’associazione d’idee da essa suscitata e, per tale ragione, non è mai disgiunta da una breve notazione scritta, che indirizza alla sua interpretazione. Obbedisce a […]

Leggi il resto

Anelito”: si chiama così il cavallo impennato di Mario Pavesi. Un nome che sa di fatica e grandezza; e di remote memorie. Fatica e grandezza, del resto, segnano le forme possenti di questa creatura di bronzo, monumento antichissimo e nuovo che ha la sua origine prima nel grembo solenne del mito, e che rinnova i […]

Leggi il resto

L’opera di Mario Pavesi è come un lungo racconto che trae origine da radici tenacemente affondate in una tradizione classica. Ne risulta un sostrato costituito da un forte ancoraggio alla bellezza, a un sempre costante e concreto riferimento al dato della realtà delle cose. Ma esiste una basilare differenza tra fondare un’opera sulla sostanza della […]

Leggi il resto

Accostandosi alla esposizione di Mario Pavesi a Casa del Mantegna , emerge con evidenza ed immediatezza anche all’occhio dell’osservatore meno esperto, una dialettica forte fra l’opera dell’autore emiliano e la purezza architettonica dell’edificio , fra la dinamicità organica di vere e proprie “forme di vita” in divenire e l’astrattezza e purezza della geometria “cosmica” che […]

Leggi il resto

La tradizione plurisecolare della scultura italiana, fatta di forme dinamiche che occupano lo spazio interamente, che nascono da una intensa, continua e appassionata passione magistrale nell’uso di materiali eccellenti dal marmo alla fusione a cera persa, con saperi che hanno oltrepassato le stagioni e le mode, ha trovato uno straordinario sperimentatore in Mario Pavesi, artista [...]

Leggi il resto